Terremoti in Svizzera: Quanto sono frequenti?

0 Condivisioni

Qual è il peggior disastro naturale che potreste mai sperimentare? Se la vostra risposta è un terremoto, avete ragione. Ma la domanda se ci si debba preoccupare di un terremoto in Svizzera non ha una risposta così semplice. Per aiutarci, analizziamo gli eventi sismici della Svizzera nel passato e nel presente.

I terremoti sono comuni in Svizzera?

I terremoti sono comuni nei Paesi che si trovano su una linea di faglia. La Svizzera si trova in cima a diverse linee di faglia significative, quindi è ad alto rischio di terremoti. Infatti, il rombo sotto la terra è responsabile delle bellissime e imponenti Alpi. Ancora oggi, la terra sotto il paese alpino trema almeno due volte al giorno o circa 800 volte all’anno!

Fortunatamente (finora) questi numerosi terremoti sono raramente gravi. È una buona notizia, perché un terremoto di magnitudo 6 o superiore provoca danni immensi. Al momento, solo il 10% circa di queste 800 scosse viene avvertito.

Gli abitanti della Svizzera avvertono tra le 10 e le 20 scosse di terremoto all’anno. Questi terremoti hanno una magnitudo di 2,5 o superiore. La media a lungo termine di terremoti di magnitudo 2,5 o superiore in Svizzera è di 23 all’anno. La Svizzera ha circa l’1% di possibilità di sperimentare una catastrofe di magnitudo 6 o superiore entro il prossimo anno. E se ne può prevedere uno di tale portata ogni 50-150 anni.

La regione svizzera più a rischio è il cantone montuoso del Vallese. Le aree a rischio più elevato sono rispettivamente Basilea, i Grigioni, la Valle del Reno di San Gallo e la Svizzera centrale.

Grandi terremoti in Svizzera

1356 Terremoto di Basilea
Terremoto a Basilea, 1356 – Foto di Wikipedia

Cominciamo con il più grande terremoto della storia della Svizzera. L’evento si è verificato a Basilea nel lontano 1356 ed è stato di magnitudo 6,6. Basilea si trova all’interno della valle del Reno, su una linea di faglia che va dal Mare del Nord alla Svizzera. Quell’anno, la crosta terrestre si aprì in seguito alla frattura della faglia.

L’ultimo terremoto significativo in Svizzera si è verificato nel 1991 a Vaz, nel Cantone dei Grigioni, ed è stato di magnitudo 5.0.

Un altro terremoto di tale intensità si verificò nel 1946 nel Canton Vallese, vicino a Sierre. Prima di allora, nel 1855 si verificò un grave terremoto a Visp-Stalden. Anche a Sierra si è verificato un terremoto di magnitudo 6,1 nel 1755. A cavallo del XVII secolo, il villaggio di Unterwalden fu colpito da un terremoto di magnitudo 6,2.

Quanto è pronta la Svizzera per i terremoti?

I terremoti catastrofici in Svizzera sono rari e poco frequenti. Il pericolo è che questo possa dare agli svizzeri un falso senso di sicurezza. Devono rendersi conto che ogni regione del Paese ha un certo grado di attività sismica. Nel 2021, la Svizzera e la regione circostante hanno registrato più di 1.100 scosse. Nello stesso anno, si è registrato un numero maggiore di casi di magnitudo compresa tra 2,5 e 4,1 rispetto alla media a lungo termine. Nel 2021 si sono verificati anche tre terremoti di magnitudo 4 o superiore. Si sono verificati al passo della Furka il 1° luglio, ad Arolla il 5 ottobre e ad Ajoie nelle Juras il giorno di Natale.

La Svizzera può aspettarsi almeno un terremoto di magnitudo 5 ogni 8-15 anni e uno di magnitudo 6 ogni 100 anni. Un terremoto così forte come quello avvenuto nei pressi di Basilea nel 1356 potrebbe mietere fino a 2.000 vittime e causare enormi danni a edifici, case, ponti e strade. I danni agli edifici, agli arredi e alle attrezzature potrebbero costare da 50 a 100 miliardi di franchi. Ciò equivale a circa un millesimo del valore di tutti gli edifici e le infrastrutture in Svizzera. Questo potrebbe significare l’obbligo di assicurazione contro i terremoti per i cittadini svizzeri per compensare il deficit.

Il rischio di un terremoto catastrofico in Svizzera è maggiore per i residenti di Vallese e Basilea. Seguono l’Engadina, il Mittelbünden, la Valle del Reno di San Gallo e la Svizzera centrale.

Le placche eurasiatica e africana continuano a spingersi l’una verso l’altra, quindi tutti devono tenersi pronti per il “Big One”.

Per gentile concessione di Wikimedia per l’intestazione dell’immagine.

0 Condivisioni
Written by Ashley Faulkes
As a twenty-year resident of Switzerland, I am passionate about exploring every nook and cranny of this beautiful country, I spend my days deep in the great Swiss outdoors, and love to share these experiences and insights with fellow travel enthusiasts.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *